ZUPPETTA DI COZZE E FAGIOLI CON CROSTONE DI PANE ALL’AGLIO

20130429-144433.jpg
Il giusto piatto in una giornata fresca e piovosa come oggi…..abbinare un vino rosato o rosso leggero.

TORTA LINZER & MOSCATO D’ ASTI MONCUCCO 2011 FONTANAFREDDA

20130422-112909.jpg

Ricetta Torta LINZER by Matteo.

150gr burro
250 gr farina
150 gr zucchero a velo
100 gr nocciole arrostite
1 uovo
Spezie: vaniglia, scorza di limone, cannella, polvere di garofano
10 gr lievito in polvere
300 gr marmellata di ribes
Impastate il burro e lo zucchero, aggiungete la farina mescolata col lievito, le nocciole grattugiate, l’uovo e le spezie. Fate riposare la pasta al fresco, dopo mezz’ora ritirate la dal frigorifero e tagliatella in quattro parti. Spianate tre quarti della pasta a circa 1,5 cm di spessore per un diametro di 22cm, spalmatevi sopra la marmellata di ribes( l’antica ricetta prevedeva di mettere delle ostie prima della marmellata). Il resto della pasta va aggiunto sopra come orlo e a storici online a forma di grata. Spalmate la superficie dell’orlò e della grata con un po’ d’ uovo e coprite con sottili fette di mandorla. Mettete a forno per 40-45 minuti a circa 190 gradi.

Moscato d’Asti Moncucco 2011 Fontanafredda.

Vitigno:
Moscato bianco

Resa in vino:
65%

Produzione media:
45 hl per ettaro.

Collocazione geografica:
la collina di Moncucco si trova nel comune di S. Stefano Belbo, nel cuore della zona di origine del Moscato d’Asti

Caratteristiche dei vigneti:
i vigneti sono posti sul versante sud di una collina caratterizzata dalle forti pendenze e dal terreno bianco tipico dei suoli di origine sedimentaria, ricchi di marne calcaree e con un pH fortemente alcalino. L’età delle viti varia dai 20 ai 40 anni.

Vinificazione:
l’uva raccolta in cassette viene in parte immessa direttamente nelle presse e in parte, dopo essere stata diraspata, viene avviata in un serbatoio termocondizionato dove sosta per circa 12 ore alla temperatura di 5°C subendo una breve criomacerazione. Un programma di pressatura molto delicato consente di estrarre dagli acini solamente il mosto fiore che viene lasciato decantare a freddo, separandolo dalla fase solida presente nel mosto. La fermentazione si avvia quando la temperatura raggiunge i 18°C e viene arrestata quando sono raggiunti i 3 gradi alcolici. A questo punto il Moncucco viene stoccato nell’acciaio alla temperatura di 0°C per un periodo di affinamento che dura fino all’inizio della primavera successiva.
Allora il vino viene trasferito in un serbatoio a pressione, dove la fermentazione si completa fino al raggiungimento di 5,5 gradi alcolici.

Caratteristiche organolettiche:
le caratteristiche tipiche del vigneto si esprimono in modo evidente nel bicchiere già a partire dal colore, un bel giallo paglierino con riflessi dorati, ma soprattutto con un’esplosione di aromi che ricordano con grande intensità il profumo dell’uva da cui il vino si origina. In particolare
affiorano i sentori di pera matura, pesca bianca, miele, fiori di robinia, tiglio e d’arancio, salvia e limone. In bocca la densità appare l’elemento predominante e infonde una sensazione di pienezza che va a bilanciare la freschezza acida e il petillant residuo della fermentazione. Di lunghissima persistenza, richiama alla memoria in modo netto la luce e il calore del grappolo di moscato maturo appena raccolto.

Abbinamenti consigliati:
gradevolissimo nel fuori pasto, è l’ideale compagno di molti tipi di dessert, anche elaborati.

Gradazione alcolica:
5,5% Vol.

Temperatura di servizio:
8-10 °C